Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"
entra

iscritta alla Consulta per la tutela degli Animali e degli Habitat del Comune di Bologna


Registrata presso la Commissione Europea.





youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

per il Blog di FINESTRA LIBERA clicca qui


mercoledì 30 marzo 2016

Tempo di Cambiare?

Emanuele Properzi scrive:
Appena di ritorno da una bellissima vacanza alle Canarie con le due donne della mia vita, mi ritrovo, con una immagine in testa che mi assilla e mi sprona.

L'immagine è quella di Italo Cillo, sconfitto dal cancro lo scorso venerdì santo. 

Forse non sai chi è Italo Cillo.

Ma se oggi io ti sto scrivendo questa email, è perché qualcuno mi ha insegnato prima di ogni altro che, scrivendo email in una certa maniera e con un certo sistema, si possono creare delle splendide relazioni ma anche degli interessanti business.

Questo "qualcuno" si chiama-va Italo Cillo. 

Così, come me, la gran parte degli scrittori italiani che sta creando con successo business sul web vendendo libri, infoprodotti, corsi e seminari, deve enorme riconoscenza a chi per primo ha tracciato questa strada in Italia.

Il primo a tracciare questa strada è stato Italo Cillo. 
 
 "Se pensi che sia difficile percorrere una nuova strada, immagina quanto lo possa essere stato per chi per primo ha tracciato questa strada."
 
In questi anni ho letto, ascoltato e visto una quantità smisurata di contenuti prodotti da Italo Cillo, che mi hanno formato sia da un punto di vista professionale ma anche da un punto di vista umano.

Mi è rimasta impressa una frase di Italo che disse durante il suo mitico podcast "Tempo di cambiare".

In questa frase Italo asseriva che, per una serie di coincidenze che definisco adesso impropriamente astrali, l'età in cui gli uomini decidono di CAMBIARE, è 42 anni.

Lui a 42 anni decise di diventare un imprenditore innovativo. 
Nel giro di 3 anni ha così costruito un business milionario vendendo corsi online. ​​​​​​​
Poi, raggiunta la libertà finanziaria, ha trasformato il suo business e la sua comunicazione online, rivolgendosi alle persone che desiderano migliorarsi spiritualmente, personalmente e avendo anche un impatto sugli altri.

Il suo nuovo blog suddiviso in 3 aree (personale, sociale e spirituale) è stato secondo me la vera espressione delle sue passioni. 

Molti marketer odierni hanno snobbato Italo Cillo perché "non è più focalizzato", altri perché non lo hanno semplicemente conosciuto. 

Ma Italo Cillo aveva veramente una passione viscerale per la conoscenza a 360°, dove al centro c'era solo la Persona, e divulgava questa conoscenza coadiuvato da una capacità comunicativa meravigliosa.

Vorrei ancora scrivere 2 pensieri in memoria di Italo Cillo:
  • non ho mai conosciuto un uomo così preparato alla morte,
  • il mondo senza di lui è un mondo più povero.

Tra poco settimane compirò 42 anni.

E' finalmente tempo di cambiare.

Grazie Italo e che la luce ti illumini ancora.

Emanuele Properzi

(...)mi si è aperta una finestrina di memoria su Italo, la stessa persona che piu' di una anno fa divulgò la "notizia" che ci sarebbero stati arresti in massa "dei cattivi", sulla scia di affermazioni e presunti dati di un ambiguo, per la scrivente almeno, personaggio americano: Wilcock. Sul tema anche David Icke spese una sua newsletter in contributo alla "chiarezza" … anche se fuori tema per il titolo di questo articolo, con l'occasione ve la ricordo: "CHE QUALCUNO CI SALVI!": IL PROGRAMMA CHE ABBIAMO INSCRITTO NEL DNA…dalla newsletter di David Icke.

Sul tema "dietetico" (l'opinione di Italo Cillo sotto alla risposta di Valdo Vaccaro), invece, lascio spazio alla replica di Valdo, vista la sua esperienza e competenza sull'argomento.
Mentre ritengo Italo ovviamente libero di farsi la fiorentina … non da allevamenti intensivi come anche da suo desiderio, non concordo con le sue affermazioni che trovo anche incoerenti e devianti.

Che ognuno mediti sul serio e con coscienza e conoscenza sulle proprie scelte alimentari, oltre le mode e i terrorismi.

http://goo.gl/7M0nIE

-------------------


 RISPOSTA [di Valdo Vaccaro]

1) Enorme rispetto non mi pare. Giudicare qualcuno come persona che si illude di risolvere dei problemi etici e nutrizionali senza farlo, e che danneggia la propria salute, è darle del deficiente senza tanti preamboli.

2) Cambiare opinione e cambiare abitudini nella vita non è vietato. Una coppia che, dopo essere stata vegana per 15 anni, addiviene a un cambiamento di rotta così eclatante, mi fa pensare che ha sbagliato tutto sia prima che dopo. Ci volevano forse 15 anni per accorgersi di aver fatto un buco nell'acqua? Eravate forse ciechi, sordi ed inebetiti? E poi non uno ma entrambi. Non so cosa e come mangiavate e come vi comportavate, né conosco quali fossero le vostre ambizioni di allora. Ma qualcosa di poco chiaro e di poco razionale dovete aver covato, per franare e retrogradare in quel modo non dopo 2 o 3 anni, ma dopo quasi un ventennio. Forse avete scambiato il veganismo per una dieta perfetta da applicare alla lettera 360 giorni l'anno? Il più grande e il più seguito nutrizionista mondiale del momento si chiama Colin Campbell. La scorsa settimana a Vicenza la gente è accorsa in massa e ha riempito una sala da 800 posti, pagando un biglietto d'ingresso di 350 euro per caduno. Veterinario, medico, di origini contadine e fortemente filo-carnivore. Docente universitario alla Cornell University e ricercatore di primo piano al MIT Massachusetts Institute of Technology. Oggi medico personale di Bill Clinton e Famiglia, oltre che autore del best-seller mondiale The China Study e di Whole. Per 10 anni aveva insegnato all'America, e con grande enfasi, a mangiare carne e bere latte, per crescere bene, sani, longevi e felici. Spedito in giro per il mondo si è accorto che la realtà alla resa dei conti era totalmente diversa da quella in cui credeva. Senza pensarci 3 volte, nel 1995 è diventato il più importante promotore mondiale del vegancrudismo tendenziale, avendo riscontrato i danni enormi prodotti dalle proteine animali nell'organismo umano. Tu, caro Italo, pretendi di fare il percorso opposto e, non contento di questo, parli di meditazione e di miglioramento personale, con una logica alquanto bacata che non esprime solo toni forti ma anche toni dogmatici e categorici.

3) Ogni costituzione è diversa? Sì, ma non certo nel senso che intenti tu, credendo forse alle frottole di Peter D'Adamo sui gruppi sanguigni. Siamo diversi nei dettagli caratteriali, nei tratti somatici, nelle abitudini e negli errori commessi, ed anche nelle nostre condizioni psicofisiche di un determinato momento. Ma ciononostante abbiamo tutti cose basilari e comuni che ci contraddistinguono, come il pH del sangue, invariabilmente fissato a 7.30-7.50, per cui le nostre esigenze e il nostro carburante, che ti piaccia o no è praticamente il medesimo.

4) Se fai davvero meditazione seria dovresti anche esserti accorto dell'importanza fondamentale di una dieta leggera ed innocente. Spiegami che tipo di meditazione può mai insegnare un maestro, un migliorista e un responsabile padre di famiglia che accetta la legge della sopraffazione e dell'uccisione del debole e dell'indifeso.

5) Affermare che i fumatori e i bevitori vivono 100 anni e che i fondatori di scuole salutistiche muoiono prima è una falsa canagliata, scusa il termine. Tutte le statistiche esistenti, come quella recente condotta in America dalle maggiori università, ha dimostrarti che i vegetariani vivono 7 anni più dei carnivori e che i vegani vivono 15 anni oltre i carnivori. La verità è che Shelton è morto a 90 dopo una vita intensa e contrastata persino col carcere. Diversi maestri igienisti sono poi diventi tali in risposta a grossi problemi riscontrati fin dall'infanzia. Se qualche fumatore vive 110 anni non significa che lo fa grazie al fumo ma nonostante il fumo, per cui senza fumare ne avrebbe vissuti 152 come il giardiniere vegetariano di casa reale inglese Thomas Parr.

6) La perfezione non esiste nella nutrizione? Posso essere d'accordo su questo. Non a caso il nostro non è vegan-crudismo rigido e fanatico ma vegetarianismo e veganismo tendenziale, dove ognuno trova la sua giusta percentuale e il suo ritmo personalizzato di crescita, inclusi gli eventuali scivolamenti temporanei. L'ovetto ruspante può anche essere incluso per chi adotta il vegetarianismo. Il formaggino crudo di malga anche, entro certi limiti quantitativi. Persino l'acciughina o l'alice col cappero può essere tollerata. Ma il vostro difendere allevamenti e macelli dimostra che per qualche motivo avete perso il bandolo della matassa e che siete scaduti nella mediocrità.

7) Il tuo pietismo paternalistico verso persone buone che si illudono di farsi del bene e di fare del bene senza trovare alcun risultato e danneggiando la salute, è il linguaggio identico di Carlo Cannella, ex docente alla Sapienza e promotore di carnelattismo come i suoi colleghi Michel Montignac, David Servan-Schreiber, e Robert Atkins, tutti stroncati da gravi malattie in età precoce negli ultimi 5 anni, non centenari ma spesso cinquantenari! Il tuo argomentare è sospettosamente identico a quello del dr Giorgio Calabrese, strapagato peraltro dall'Agroalimentare Italiano.

Valdo Vaccaro 

http://valdovaccaro.blogspot.it

-------------------
"Mi chiamo Italo Cillo e sono contro le diete vegane e vegetariane. È uscito il Primo Episodio del nuovo "Energy Podcast", il Podcast di mia moglie Francesca dedicato alla Salute, all'Energia e alla Longevità. La registrazione sta suscitando grandi controversie a causa delle posizioni forti che esprimo in questo audio.


SETTE ARGOMENTI DA MANEGGIARE CON CURA
Ecco perché raccomando di leggere le seguenti istruzioni per l'uso, al fine di maneggiare il tutto con cautela.
1) Ho un enorme rispetto per chiunque abbia abbracciato la scelta vegetariana o vegana.
2) Io stesso, e Francesca, siamo stati vegani per 15 anni. Vegani "seri", con un'alimentazione realmente naturale, non di quelli che vanno avanti a cibi industriali e budini alla soia.
3) Ogni costituzione individuale è diversa . Ciò che fa bene a uno può fare male a un altro e viceversa.
4) La registrazione è estratta da una teleconferenza riservata ai miei studenti di meditazione. Questa è la mia risposta a una domanda specifica, formulata in un contesto specifico.
5) In campo nutrizionale non esistono leggi assolute. I fondatori degli stili alimentari più sani sono morti di infarto, e chi fuma sigari e beve superalcolici può vivere in salute oltre i 100 anni. E ci sono pure gli Yogi che vivono senza mangiare né bere per anni. La grande variabile è la mente umana.
6) In campo nutrizionale la perfezione, ammesso che esista, è irraggiungibile. Al massimo, si fa quel che si può! Se non trovi uova di galline in libertà, usa quelle biologiche. Se non trovi carne nutrita al pascolo, usa quella di allevamenti biologici. Se non trovi burro non-pastorizzato, usa quello biologico.
7) Perdona i miei toni forti. So quello di cui parlo per averlo vissuto in prima persona, e per averlo studiato con passione per molti anni. Il tono forte è dovuto al dispiacere che provo vedendo persone buone, animate dalle più nobili intenzioni, fare scelte alimentari errate, che danneggiano la loro salute e non soddisfano nessuno dei problemi nutrizionali ed etici che pretendono di risolvere. Con i miei saluti più cordiali.
Italo Cillo, Imprenditore online, Padre di famiglia, Autore, Blogger, Podcaster, Libero Pensatore, Ricercatore e Insegnante spirituale. Appassionato adepto dell'Autonomia individuale e del Miglioramento personale.

---

NdR (NOTAdiROMOLO)

Caro Italo, alla luce della tua scomparsa tanto valeva rimanere vegano...non credi? Ma è solo la mia opinione... credo l'alimentazione vegan avrebbe solo potuto allungare la tua vita, non certo abbreviarla.

Romolo Fanti