Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"
entra

iscritta alla Consulta per la tutela degli Animali e degli Habitat del Comune di Bologna


Registrata presso la Commissione Europea.





youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

per il Blog di FINESTRA LIBERA clicca qui


giovedì 30 marzo 2017

Fwd: Bancomat obbligatorio sui taxi



Renzo,

i tassisti protestano per mantenere i loro diritti e sono contrari all'ingresso di Uber nel mercato italiano, ne hanno parlato anche Le Iene. 

Ma anche i cittadini hanno delle richieste al governo per quanto riguarda i taxi: tassametro fiscale, obbligo di accettare i pagamenti con carte elettroniche e regolamentazione delle licenze. Sei d'accordo?

Governo Italiano: VOGLIAMO CHE I TAXI SIANO OBBLIGATI ALLA ACCETTAZIONE DI PAGAMENTI ELETTRONICI

massimiliano cremonini
Milan, Lombardia

In riferimento al servizio andato in onda nel programma "le Iene" ed alle recenti proteste (anche violente) e scioperi delle associazioni di categoria e dei sindacati dei taxisti, riteniamo inaccettabile per un paese che voglia dirsi civile il perdurare di una situazione di illegaliltà e disservizio perenne.

Chiediamo pertanto quanto segue:

1. L'introduzione dell'obbligo per tutti i taxisti di accettare pagamenti in forma elettronica mediante carte di debito/credito e altri formati elettronici

2. L'introduzione di un "tassametro fiscale" collegato al sistema di pagamento e collegato con l'agenzia delle entrate, che permetta di tracciare tutti i percorsi e relativi incassi.

3. La regolamentazione chiara del mercato delle licenze. E' inaccettabile che lo Stato lucri e si faccia pagare le tasse sulla compravendita di licenze pubbliche che come tali non prevedono lo scambio monetario tra privati per la loro cessione. Ancora più inaccettabile che questo avvenga mediante l'ausilio delle associazioni sindacali e dietro compenso. 

4. Una regolamentazione chiara dei servizi di mobilità alternativi al taxi che sia organizzata al fine di offrire un servizio più efficiente ed economico ai cittadini e non ad agevolare lobby ed associazioni di categoria.