Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"
entra

iscritta alla Consulta per la tutela degli Animali e degli Habitat del Comune di Bologna


Registrata presso la Commissione Europea.





youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

per il Blog di FINESTRA LIBERA clicca qui


giovedì 25 agosto 2016

Glorificazione



 

Tridandisvami Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja

GLORIFICAZIONE DI SRI RADHA NEL GIORNO DI JANMASTAMI
Mathura 20 Agosto 2003


(Circa 250 devoti occidentali e indiani si sono riuniti alla Sri 
Kesavaji Gaudiya Math a Mathura, India, ed alcuni sono arrivati ieri, 
proprio in tempo per partecipare alla festa di Janmastami. Param 
Pujyapada Srila Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja è entrato nel 
tempio dopo che i devoti hanno cantato i bhajan del mattino durante le 
ore precedenti. Dopo aver circumnambulato le divinità Sri Sri Radha 
Vinod Bihariji, Sri Caitanya Mahaprabhu e Sri Giriraja Govardhana, che 
erano vestiti con un nuovo delizioso abito color rosa-porpora con dei 
ricami dorati, Srila Maharaja si è seduto sul vyasasana. Come fa tutti 
gli anni in questo santo giorno, Maharaja ha chiesto ai devoti di 
cantare la Sri Mangala-gitam di Sri Jayadeva Gosvami, e poi ha 
spiegato il significato della canzone. A volte ha parlato in inglese, 
ma per la maggior parte della lezione ha parlato in Hindi e le parti in 
Hidi sono state tradotte da Sripad Madhava Maharaja e Sripad Aranya 
Maharaja.)

Questo kirtan glorifica Bhagavan Sri Krsna, ma in realtà descrive le 
glorie di Srimati Radhika. Questo perchè le glorie più grandi di Krsna 
si manifestano solo in presenza di Radhika.

Il kirtana comincia:

srita kamalakuca-mandala! dhrta kundala! e

Questo verso significa che Krsna si sta rifugiando al petto di Srimati 
Radhika; ciò avviene quando Lui vede Radhika. Srila Prabhpodananda 
Sarasvati descrive come, semplicemente dopo averLa vista e sotto 
l'influenza del Suo mahabhava, il flauto di Sri Krsna cade dalle Sue 
mani, la Sua piuma di pavone cade a terra, il Suo pitambara (chaddar 
giallo) scivola giù e Lui Stesso comincia a svenire. In quel momento 
Egli si rifugia al petto di Srimati Radhika.

In questo verso Sri Prabhodananda Sarasvati prega: "Quando compirò i 
rasa-upasana di Srimati Radhika?" Rasa-upasana significa rendere 
servizio a Sri Sri Radha e Krsna seguendo le orme di Srila Rupa Manjari 
e Rati Manjari. In questo verso Krsna vede Radhika da distante, Lui sta 
uscendo di casa per portare le mucche al pascolo. Krsna sta per svenire 
e Madhumangala lo sostiene e dice: "Amico mio cosa ti succede? Cosa 
stai facendo? Nanda Baba e Yashoda ti possono vedere."

"Dhrta-kundala". I Kundala (orecchini) di Krsna, e tutti gli ornamenti 
e gioielli che decorano le Sue orecchie rappresentano le meravigliose 
parole di Srimati Radhika. Ascoltando la dolce voce di Radhika, il 
flauto di Krsna cade a terra.

"Kalita-lalita vanamala". Kalita significa estremamente bello. Krsna 
indossa una bellissima vanamala, ghirlanda fatta di fiori di foresta. 
Ci si può chiedere chi ha fatto quella ghirlanda, e la risposta è che 
Simati Radhika Stessa l'ha fatta e gliel'ha messa attorno al collo.

"Jaya jaya deva! hare." La parola Jaya viene cantata due volte ed ha 
due significati. Jaya Jayadeva hare significa "tutte le glorie 
all'amata ed adorabile divinità di Jayadeva Gosvami", ma può anche 
significare: "Possa questo Bhagavan Sri Krsna che viene glorificato da 
questa canzone, essere vittorioso."

Mahaprabhu ha sempre il sentimento di Srimati Radhika, ma quando 
ascoltò questa canzone il Suo sentimento cambiò e divenne quello di 
Krsna. In quel momento voleva abbracciare la ragazza che stava 
cantando, pensando fosse Radhika, Lalita o Visakha. Perciò quando fu 
fermato dal suo servitore Govinda, Mahaprabhu lo abbracciò e disse: 
"Stavo per cambiare il mio sentimento e la mia natura con quella di 
Krsna, ma tu Mi hai fermato. Se non lo avessi fatto, avrei fallito 
l'obiettivo per cui sono apparso in questa forma, e tutti avrebbero 
scoperto che sono Krsna. Mi hai salvato." Questo è il primo 
significato, e nel secondo significato Mahaprabhu sta dicendo a 
Govinda: "Mi hai salvato. Se avessi toccato quella donna sarei caduto 
in un torrente annegandovi." Perciò ci sono due significati utili e 
profondi.

Molti sannyasi, lasciano l'ordine di rinuncia perchè amano associarsi 
con le donne. Giustificano ciò dicendo: "Molte donne vengono da me. 
Cosa posso fare? Vengono automaticamente senza il mio invito." Sri 
Caitanya Mahaprabhu non ascolterà queste argomentazioni, quindi dovete 
essere molto cauti. Se una donna vi avvicina con un sentimento di 
godimento, datele uno schiaffo o parlatele duramente. Sono molto 
intransigente su queste cose. anche se la mia natura è calma, su questi 
argomenti sono molto duro. Non posso tollerarlo. Le ragazze devono 
essere molto attente al motivo per il quale vengono qui. A volte 
vengono per far cadere e sedurre brahmacari o sannyasi, e io le ho messe in 
guardia di non venire per questo. Devono venire solo per ascoltare 
Hari-katha e diventare molto forti nella coscienza di Krsna. Devono 
venire per sviluppare l'amore e l'affetto che hanno le gopi, cercando 
per prima cosa di amare il Guru e i veri Vaisnava. Chiedo a tutti - 
sannyasi, brahmacari e ragazze - di essere molto attenti a questo 
riguardo. Ho molto affetto per le mie figlie, ma su ciò voglio essere  
molto severo con loro.

"Bhava-kandana". Bhava significa l'infinito ciclo di nascite e morti 
ripetute e le sofferenze di questo mondo materiale. Sri Krsna mette 
fine alle sofferenze della nascita e della morte delle jive di questo 
mondo. Le gopi di Vraja, hanno un altro tipo di sofferenza. Per loro 
sofferenza significa separazione da Krsna. Radhika e le gopi provano 
grande separazione da Lui, e Krsna pone fine a questa sofferenza. 
Quando c'è separazione, Krsna si manifesta nella forma di sphurti 
(visione), e di persona le risolleva dal fuoco della separazione.

"Muni-jana-manasa-hamsa." Krsna Bhagavan è il cigno che suona sul lago 
delle menti dei muni come Narada Muni, Srila Sukadeva Gosvami e 
sicuramente Sri Jayadeva Gosvami, che non è meno di Rsi Narada o 
Sukadeva Gosvami.

Alla fine del kirtana Srila Jayadeva prega: "Idam kurute mudam". Mudam 
significa pieno di gioia. Lui prega: "Possa l'intero mondo essere 
felice ed auspicioso." Lui prega Krsna, a nome di tutte le persone di 
questo mondo, di manifestare nei loro cuori i passatempi trascendentali 
descritti in questo kirtana. Lui è molto misericordioso, proprio come 
Srila Rupa Gosvamipada che ha pregato "Hrdaya-kandare sphuratu vah 
saci-nandanah", possa Sri Sacinandana manifestarsi nella parte più 
recondita del cuore di tutti. Srila Rupa Gosvami non prega per se 
Stesso, prega che Sriman Mahaprabhu possa manifestarsi nel cuore di 
tutti. I Vaisnava hanno una misericordia senza causa; loro pregano 
Krsna per conto di tutte le jive.

In conclusione Sri Jayadeva Gosvami dice: "Mangalam-ujjvala-gitam", 
indicando che questa canzone è piena di unnatojjvala-rasa, il 
parakiya-rasa trascendentale di mahabhava-svarupini Srimati Radhika.

(Srila Maharaja chiede a tutti i devoti di cantare il 
Dasavatara-stotram di Jayadeva Gosvami, e alla fine del kirtan il 
cantante ha detto "jaya Dasavatara, Jaya Dasavatara!"- tutte le glorie 
ai dieci avatara."

Srila Narayana Maharaja: Non cantare questo verso finale. Questa 
canzone non è la glorificazione dei dieci avatara. "Kesava! 
Dhrta-dasa-vidha-rupa!" Questa è la glorificazione di Kesava, 
Krsnacandra, Syamasundara, Vrajendranandana. Puoi cantare "Jaya 
dasavatari -tutte le glorie a Sri Krsna che è l'origine di tutti gli 
avatra."

(I devoti cantano Sri nanda-nandastakam e Sri 
Radha-krpa-kataksa-stava-raja, come fanno tutti gli anni in questo 
giorno.)

Srila Maharaja: Quando Srimati Radhika ascolta Sri Nanda-nandastakam 
diventa molto felice e vuole dare una benedizione. Lei concederà i 
piedi di loto del suo prana-vallabha (l'amato respiro della sua vita) 
Sri Ksna al devoto che le recherà molta gioia nel cantare questo 
astakam. Invece se si canta Sri Radha-krpa-kataksa-stava-raja, che 
glorifica Srimati Radhika, Krsna sarà molto felice e concederà al 
devoto i piedi di loto della Sua amata Srimati Radhika.

Sri Nanda-nandastaka è emanato originariamente dalla bocca di loto di 
Srimati Radhika, e lei lo canta per Krsna, alla visione di Lui quando 
ne è separata, o direttamente a Lui. Poichè la Sua bellezza lascia 
senza fiato, Radhika descrive ogni parte del Suo corpo. Allo stesso 
tempo Krsna pensa: "Nessuno ha le qualità che possiedo. Nessuno è bello 
quanto me. Ma c'è una persona- Srimati Radhika- che ha centinaia di 
volte in più le qualità che Io possiedo. Lei è il mio prema-guru." 
Questo viene spiegato nella Sri Caitanya Caritamrta, Adi-lila, capitolo 
4, dove viene anche esposto che le gopi hanno tutte le relazione con 
Krsna. Loro sono le Sue servitrici, maestre, amiche, madri ecc. Tutte 
le relazioni che gli altri hanno con Krsna sono presenti anche nelle 
gopi. Sappiamo che madre Yashoda cura protegge e nutre incessantemente 
Krsna, ma qualsiasi sentimento sia presente in Madre Yashoda, è 
presente in modo più intenso nelle gopi.

Il primo verso di Nanda-nandastakam è:

sucaru-vaktra-mandala sukarna-ratna-kundalam
sucarcitanga-candanam namami nanda nandanam

"Offro pranama a Sri Nanda-nandana, il cui viso meraviglioso è 
estremamente delizioso, dalle cui meravigliose orecchie pendono 
orecchini preziosi, e il cui corpo è saturo di fragrante profumo di 
sandalo."

Il viso di Krsna diventa estremamente bello quando vede Srimati Radhika 
nel corso della Rasa-lila. Srila Vyasadva non ha descritto la rasa-lila 
nel Bhagavatam, ma si è manifestata spontaneamente nel suo cuore sotto 
forma di visione e poi l'ha raccontata. Questa visione ha avuto luogo 
per misericordia di Krsna. Il Bhagavatam è uno Sastra eterno come i 
Veda, ma molto più elevato.

Perchè Krsna ha manifestato la rasa-lila? I devoti ordinari non possono 
comprenderlo, che dire di quelli che sono impegnati in attività 
peccaminose. Srila Rupa Gosvami spiega che Krsna è molto 
misericordioso; se non avesse portato la rasa-lila da Goloka Vrndavana 
in questo mondo, nessuno avrebbe avuto l'opportunità di capire. 
Ascoltando della rasa-lila dai puri devoti si sviluppa lobha, 
(desiderio trascendentale) per ottenere quel parakiya-rasa, 
unnatojjvala-bhava (amore per Krsna) che è molto difficile da ottenere. 
Krsna ha compiuto la rasa-lila per risvegliare il gusto in coloro che 
non sono qualificati e renderli così qualificati a gustare il rasa. Con 
la rasa-lila ha inoltre accresciuto il nettare gustato da coloro che 
già gustano il rasa. Lui è molto miseriordioso, e Radhika è ancora più 
misericordiosa di Krsna.

Il terzo verso del Radha-kundastakam di Srila Raghunath dasa Gosvami 
dice:

agha-ripur api yatnad atra devyah prasadam
prasara-krta-kataksa-prapti-kamah prakaman
anusarati yad uccaih snana-sevanu-bandhais
tad ati-surabhi Radha-kundam evaSrimati Radhikaayo me

(Per il piacere di Radhilka, persino Krsna stesso, desiderando ottenere 
il suo sguardo misericordioso, si bagna regolarmente nel Radha-kunda, 
osservando attentamente tutti i rituali appropriati. Possa il supremo 
incantevole Radha-kunda essere il mio rifugio.)

In questo verso viene spiegato che Krsna è misericordioso, Ma Lui 
stesso desidera la misericordia di Radhika. Lui si reca al Radha-kunda 
e seguendo tutte le regole e i regolamenti si bagna tre volte al giorno 
e poi adora Srimati Radhika pregando: "Per favore dammi il tuo 
krpa-kataksa, il tuo misericordioso sguardo, perchè se manifesti maan 
(gelosia e rabbia trascendentale) e mi ignori per un altro secondo, non 
potrò mantenere la mia vita." Questi sentimenti sono stati esplicitati 
da Sri Raghunath dasa, Srila Rupa, Srila Visvanath Cakravarti Thakura e 
Srila Bhaktivinod Thakura. Bhajana significa seguire le orme e recitare 
questi kirtana, sviluppare questi sentimenti, in modo che una visione 
del significato di questi kirtan e dei passatempi trascendentali si 
manifesti nel cuore.

Krsna ha compiuto innumerevoli passatempi, ma tra tutti la rasa-lila è 
suprema e potente. Abbiamo ascoltato molte volte di quando Yasoda lega 
Krsna bambino e questo passatempo ha una potenza inconcepibile. Ma la 
rasa-lila è milioni di volte più potente. Perciò Sukadeva Gosvami dice:

vikriditam vraja-vadhubhir idam ca visnoh
sraddhanvito 'nusrnuyad atha varnayed yah
bhaktim param bhagavati pratilabhya kamam
hrd-rogam asv apahinoty acirena dhirah
(SB 10. 33 39)

"Chiunque ascolta con fede e poi descrive gli scambi d'amore tra Krsna 
e le gopi di Vrndavana, otterrà il puro servizio devozionale a Krsna. 
Perciò velocemente il devoto diverrà sobrio e conquisterà la lussuria, 
la malattia del cuore."

Si dovrebbero ascoltare i dolci passatempi che Krsna compie con le 
damigelle di Vraja. Dobbiamo ascoltarli con 'anusrnuyat'. Anu significa 
sotto la guida del sad-guru e dei Vaisnava, e significa anche ascoltare 
continuamente, rendere servizio al Guru e poi descriverli. Quale sarà 
il risultato? "Bhaktim param bhagavati pratilabhya kaman". Qui la 
parola Kama significa prema-bhava; l'amore delle gopi si manifesterà 
nel cuore ed il risultato sarà che la lussuria sarà sradicata per 
sempre. Questo è il meraviglioso potere dell'ascolto e della 
descrizione della rasa-lila. Nei loro passatempi nara-lila persino 
Narada Rsi e Sankara erano incapaci di controllare la potenza della 
lussuria, ma la rasa-lila è chiamata param-vijaya-lila, il lila che 
permette di essere per sempre vittoriosi sulla lussuria. Nessuno ha il 
potere di vincere la lussuria, ma i nostri Gosvami hanno manifestato 
nei loro libri questo lila e i profondi bhava in esso contenuti così da 
renderci capaci di sconfiggere la lussuria ed entrare nel lila. Si deve 
rendere servizio a Sri Sri Radha Govinda nella rasa-lila, l'ultimo ed 
unico scopo della vita.

Gaura premanande!

__._,_.___

Inviato da: Angelo Russo <gaudyait@gmail.com>