Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"
entra

iscritta alla Consulta per la tutela degli Animali e degli Habitat del Comune di Bologna


Registrata presso la Commissione Europea.





youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

per il Blog di FINESTRA LIBERA clicca qui


lunedì 30 maggio 2016

L'essenza del tutto


Sri Srimad Bhakti Raksaka Sridhar Goswami Maharaja


L'essenza del tutto

La spiegazione al Brahma Gayatri



Il significato del Brahma Gayatri ci deve portare alla conclusione del Bhagavatam. Il Gayatri Mantra ed il Bhagavatam sono la stessa cosa. E' la vera essenza del Vedanta-sutra. Il Bhagavatam è il commento elaborato del Gayatri:


artho 'yam Brahma-sutranam bharatartha-vinirnay

gayatri-bhasya-Rupo 'Sau vedartha-parivrmhita


["Il significato del Vedanta-sutra è presente nel Bhagavatam. Lì vi è anche il pieno significato del Mahabharata. Il commento del Brahma-Gayatri è nel Bhagavatam ed è descritto completamente con tutta la conoscenza vedica."] [Garuda Purana]


Il significato del Gayatri Mantra deve essere nella linea del Bhagavatam. Se analizziamo come questo sia possibile, potremo scoprire i gradini che portano al Gayatri Mantra, ovvero il Bhagavatam.

Qual è il significato di Gayatri? La parola Gayatri è una combinazione di due parole sanscrite: ganat (quello che viene cantato) e trayate (ciò che dà la liberazione). Questo vuol dire, "una canzone con la quale possiamo ottenere la nostra salvezza, il sollievo, l'emancipazione". Gayatri è conosciuta come veda-mata, la madre dei Veda. Se esaminiamo la conclusione vedica dal suo aforisma più ermetico alla sua più ampia espressione, troveremo che tutto inizia con omkara. Il simbolo vedico OM che è la verità espressa sotto forma di Gayatri Mantra, appare sotto forma dei Veda, e poi come Vedanta-sutra, infine, viene la conclusione dei Veda, la sua massima espressione: il Bhagavatam. 


Poiché il significato e lo scopo della conoscenza vedica progredisce in questa linea, il gayatri mantra deve contenere in sé il significato del Bhagavatam - cioè, la concezione che Krishna è il supremo. Questo deve essere il significato del Gayatri Mantra, ma il problema è come estrarre il Bhagavatam - la concezione di Krishna - dal grembo di Gayatri? Ho sentito che Jiva Goswami ha dato una tale interpretazione, ma non sono riuscito a trovare dove sia stata scritta. Ho sentito che ha dato il significato di Gayatri come veicolo che porta alla coscienza di Krishna. In ogni caso, si è risvegliato in me il desiderio di delineare il significato della concezione di Krishna.


Il significato generale di Gayatri è "il canto che concede la liberazione." Liberazione deve avere un significato positivo. Liberazione non significa libertà dal lato negativo, ma il raggiungimento positivo. Questa è la definizione data nel Bhagavatam: muktir hitvanyatha rupam svarupena - a meno che e fino a quando non si raggiungere la posizione positiva più elevata possibile, la vera Mukti, vera salvezza, non è stata raggiunta. Il semplice ritrarsi dal piano negativo non può essere chiamata liberazione. Hegel disse che l'oggetto della nostra vita è l'autodeterminazione. Dobbiamo determinare la nostra naturale funzione del tutto organico - non solo l'emancipazione dal lato negativo, ma la partecipazione a una funzione positiva nel dominio del servizio. Questo è considerato il più alto raggiungimento della vita. Questo è il vero significato di Gayatri.


La parola gayatri deriva da due radici sanscrite: ganat e trayate. Trayate significa raggiungimento positivo alla fase finale (sva-rupena vyavashitih). E ganat significa non solo un suono, ma un suono musicale. Quel suono musicale che concede la liberazione positiva più elevata indica il sankirtana di Mahaprabhu e la melodia del flauto di Sri Krishna.


Il Mantra


''Om bhur bhuva sva tat savitur varenyam bhargo devasya dhimahi dhiyo yo na pracodayat''

om - il mantra originale che contiene tutto al suo interno; Bhur - il mondo fisico; Bhuva - il mondo mentale; sva - il mondo intellettuale; tat - i tre piani di esperienza; savituh - l'anima; Varenyam - adorazione, venerabile; bhargo - la superanima, la svarupa-sakti; devasya - che è bello e giocoso, Krishna, la Realtà meravigliosa; dhimahi - inizio la meditazione; dhiyah - ovvero offrire servizio; yo - che; na - noi; pracodayat - effettuiamo con entusiasmo in base alla nostra capacità;


Traduzione

"Sopra i tre piani di esperienza mondana, bhu, bhuvah, svah, vi è l'anima, savitur, che ci mostra tutto proprio come il sole. Al di sopra dell'anima vi è la Superanima trascendentale che è Varenyam, degna di venerata adorazione. Quel piano di esistenza è chiamato bhargo, brillante e illuminante. L'area spirituale, bhargo, è il piano conosciuto come svarupa-shakti ovvero la potenza interna di Deva, Krishna, la Realtà Sublime. Bhargo è la sua potenza divina Srimati Radharani. Che la nostra meditazione sia fissa sui piedi di loto di Srimati Radharani, la cui estensione e natura essenziale, mahabhava, è la svarupa-sakti, e che ci irradia con la capacità di servizio devozionale. Cerchiamo di abbandonarci al suo servizio divino".


Brahma-Gayatri-bhasya

bhvades-tat-savitur vavarenya-vihitam ksetrajna-sevaya-arthakam

bhargo vai vrsabhanuja-Atma-vibhava-eka-aradhana sri-puram

bhargo Jyotir-acintya-Lilana-Sudha-eka-aradhana-sri-puram

bhargo dhama-taraga-khelana-Sudha-eka-aradhana-sri-puram

bhargo dhama-sada nirasta kuhakam prajnana lila-puram

devasya-amrta-Rupa-lila-rasa-dheraradha-DHI-prerina

devasya-amrta-Rupa-lila-purusasyaradha-DHI-preyasina

devasya dyutisundara-eka-purusasyaradhaya-DHI-preyasina

gayatri-muralisya-kirtana-dhanam radhapadam dhimahi

gayatri-gaditam Mahaprabhu-Matam radhapadam dhimahi

Dhir-aradhanam eva nanyad-iti-tad-radhapadam dhimahi


(Srila Bhaktiraksaka Sridhara deva-gosvami maharaja)




Il significato del Brahma-Gayatri è il seguente: La prima parola è OM. Om è il mantra originale (bija-mantra) che contiene tutto. La parola successiva è bhur. Bhur è dove ci troviamo ora, Bhu-Loka (la terra) - il mondo della nostra esperienza. La parola successiva è buvah. Buvarloka è il mondo di acquisizione mentale. E' il supporto, lo sfondo o filtro della nostra esperienza. La nostra posizione attuale di esperienza è l'effetto della nostra acquisizione mentale. Se siamo qui nel mondo di esperienza non è a causa di un incidente; abbiamo acquisito questa posizione dal nostro karma precedente. La sfera fisica e questo mondo di esperienza, è solo il prodotto, il risultato dei nostri impulsi mentali precedenti. E il mondo sottile del precedente karma, la sfera mentale, è conosciuto come Bhuvarloka.


La parola successiva nel mantra è svah. Sopra Bhuvaloka vi è Sva-Loka. Il mondo mentale (Bhuvarloka) significa accettazione e rifiuto: cosa fare e cosa non fare - "Mi piace questo, non mi piace quello." Sva-Loka, tuttavia, è il piano della decisione, il mondo dei servizi segreti (Buddiloka). La nostra intelligenza ci dice: "Questo mi pacerebbe, ma non devo farlo, altrimenti sarò perdente." Questo piano, il piano della ragione, è conosciuto come Sva-loka. In questo modo, il mondo materiale è composto da tre strati generali, bhur, il mondo fisico, bhuvah, il mondo mentale, e svah, il mondo intellettuale.


Naturalmente, un'analisi più dettagliata rivelerà sette strati: Bhur, Bhuvah, Svah, Maha, Jana, Tapa, e Satyaloka. Questo è stato affrontato in dettaglio da Sanatana Goswami nel suo Brhad-Bhagavatamrtam. Qui, questi sette strati sono stati riassunti in tre piani di esistenza: fisico, mentale e intellettuale. E questi tre piani di esperienza sono stati riassunti in una parola, tat.


La prossima parola nel Brahma-Gayatri è savitur. Savitur generalmente significa Surya, il sole. E il sole significa, in senso figurato, quello che illumina o si accende; ciò per cui siamo in grado di vedere. I tre strati grossolano, sottile e intellettuale in questo mondo sono a noi visibili grazie ad una cosa particolare, savitur. Cos'è? L'anima. In realtà, il mondo non ci è visibile grazie al sole, ma grazie all'anima. Che cosa ci dà realmente la percezione e ci permette di vedere le cose materiali? In realtà non è il sole che ci aiuta a vedere; vediamo con l'aiuto dell'anima. Questo si trova nella Bhagavad-gita (yatha prakasayaty ekah krtsnam lokam imam ravih). L'anima ci rivela questo mondo proprio come fa il sole. Il sole può mostrare il colore ai nostri occhi, l'orecchio può rivelare il mondo sonoro, e la mano può rivelare il regno tattile. Ma in realtà al centro c'è l'anima. E' l'anima che dà luce a questo mondo, che ci dà una comprensione del contesto, il mondo della percezione. Ogni percezione è possibile solo perché c'è l'anima. Qui, la parola savitur, che in genere significa sole, può significare solo l'anima, che come il sole ci mostra tutto.


Tutti e sette gli strati della nostra esistenza, rappresentati da bhur, il piano fisico, bhuvah, il piano mentale, e svah, il piano intellettuale, qui sono stati ridotti a una sola entità: tat- "questo". "Questo" è indicato dal sole che in tale contesto indica l'anima. Qui l'anima significa anima individuale. L'anima individuale è la causa del suo mondo. Non che la mente è nel mondo, ma il mondo è nella mente. Berkeley ha detto che il mondo è nella mente. Qui viene espresso che tutto è visto con l'aiuto del sole. Se non c'è il sole, tutto è buio - non si vede niente. Quindi, senza luce, non si vede niente. E in un certo senso più alto, luce significa anima. L'anima è il soggetto, e l'oggetto dell'anima sono i sette piani di esperienza in questo mondo.


La parola successiva nel Gayatri mantra è Varenyam. Varenyam significa puja: venerabile adorazione. Questo indica che, anche se all'interno di questo piano - il mondo oggettivo - vi è il soggetto, c'è un altro dominio che deve essere venerato e adorato dall'anima. Questa è l'area Suprema.

Quel piano degno di adorazione dell'esistenza è nota come bhargo. Bhargo intende la zona personale, l'area dell'Anima Suprema. Questo è menzionato nel primo verso del Bhagavatam: 


dhamna svena sada nirasta-kuhakam satyam param dhimahi. 


Srila Vysadeva dice che qui si avrà a che fare con un altro mondo la cui gloria incontaminata è così grande che dal un solo raggio di quella potenza, tutte le idee sbagliate vengono spazzate via. Il soggetto è l'anima, e il suo oggetto sono tutti questi mondi di esperienza. E il soggetto della Superanima, è l'area da noi venerabile che è superiore al soggetto, l'anima - che è l'area super-soggettiva.


La parola bhargo significa "più sottile dell'anima", e "che detiene una posizione più importante dell'anima." Quindi, ciò indica il Supremo, il Paramatma. In generale, naturalmente, la parola bhargo normalmente significa luce. Proprio come una radiografia ci può mostrare ciò che l'occhio comune non può vedere, bhargo è la svarupa-sakti: la luce superiore più potente che può rivelarci l'anima. E questa energia - bhargo - a chi appartiene? Appartiene a Deva. Qual è il significato della parola deva? Deva significa "bello e giocoso", cioè, Sri Krishna: la meravigliosa realtà. Egli non è una sostanza indefinita, ma è pieno di lila, passatempi. Deva significa passatempi che uniti alla bellezza manifestano Krishna.


Il suo dominio è bhargo, brillante, ed è Varenyam, venerato dall'anima, la jiva. Qual è la natura della svarupa-sakti? E' vaibava, il corpo esteso di Srimati Radharani. Lei ha la responsabilità del servizio completo e dell'energia per servire Krishna. Bhargo non è altro che la vaibava, il corpo esteso di Srimati Radharani, che contiene tutto il necessario per il servizio a Krishna. Bhargo rappresenta Mahabava, la frazione predominava, e deva, Krishna, è Rasaraja, la frazione predominante.


Nel Gayatri Mantra, siamo invitati, bhargo devasya dhimahi: "vieni a meditare". Che tipo di meditazione è possibile in quel piano di dedizione? Non una meditazione astratta, ma la coltivazione del servizio, krsnanusilanam. Dhimahi significa "poter partecipare al flusso spontaneo, alla corrente di devozione a Vrindavana." E quale sarà il risultato (dhiyo yo nah pracodayat)? La capacità della nostra devozione aumenterà. Più serviamo, più in compenso avremo maggiore capacità e volontà di servire - proprio come in banca gli interessi vengono aggiunti al capitale (Dasa kari 'vetana more deha prema-dhana). In questo modo, il nostro principio di devozione aumenterà ancora e ancora. Dhimahi significa Aradhana, adorazione. Esso non può che essere spiegato in termini di aradhana, puja, seva, adorazione, servizio d'amore. La parola buddhi significa ciò che coltiviamo con l'aiuto della nostra intelligenza. Ma qui, DHI è un riferimento a quella veneranda intelligenza che scende in questo piano per aiutare a coltivare il servizio. Quindi dhimahi non significa meditazione astratta, ma è il servizio devozionale. Questo è il significato profondo del Gayatri Mantra.


Gayatri, il canto della liberazione, significa anche sankirtana. Il Kirtana viene cantato, e ci migliora verso il più alto obiettivo. Il sankirtana di Mahaprabhu ci aiuta internamente ed esternamente a servire nella posizione più alta. Così il Brahma-gayatri è in connessione con Mahaprabhu e viene a significare Krishna-kirtana. Poi si raggiungerà Vrindavana e il kirtana del flauto. E quando entreremo a Vrndavana, troveremo che il dolce suono del flauto di Krishna aiuta a coinvolgere tutti i servitori nei loro rispettivi compiti. Quando suona il flauto, le gopi e gli altri sono regolati nei loro rispettivi compiti. Di notte, le gopi, ascoltando il suono del flauto giungeranno alla Yamuna, pensando: "Oh, Krsna è lì." E quando Yasoda ascolta il suono del flauto di Krishna, pensa, "Mio figlio è lì. Egli sarà presto a casa." In questo modo, il suono del flauto impegna tutti i servitori del Signore nelle loro rispettive posizioni e li spinge a essere consapevoli del loro servizio.


Nel mio commento sanscrito sul Gayatri mantra, ho scritto dhiraradhanam eva nanyaditi tad Radha-padam dhimahi: Tutti gli altri servizi sono rappresentati pienamente in Radhika. Come i rami sono tutti parte di lei, l'albero principale. Il Madhura rasa (relazione d'amore) è il capo o mukhya-rasa, l'essenza di tutti i rasa. Srimati Radharani è Mahabhava - lei rappresenta l'intero atteggiamento di servizio.


Il suono del flauto di Sri Krishna, espresso come Gayatri mantra, ci ricorda e ci impegna nel nostro servizio. E qual è il nostro servizio? Il nostro servizio deve essere quello di abbandonarci al servizio di Srimati Radharani- accettare il suggerimento di Radharani. Il Gayatri Mantra ci risveglia nella consapevolezza dei piedi di loto di Srimati Radharani, di obbedire ai suoi ordini. Lei rappresenta l'intera area del servizio. Quindi, per cercare di impegnarci nel suo servizio, sotto il suo ordine, accettare la sua direzione e obbedire a lei - questo è il servizio a Sri Radha. In questo modo, il significato del Gayatri Mantra è il Radha-dasyam, l'autodeterminazione (svarupena vyavasthitih).


Nel frattempo, le rappresentazioni parziali in vatsalya (sentimento dei genitori) e sakhya rasa (sentimento di amicizia) sono anche parte integrante del dolce originale amore coniugale, madhura rasa. I devoti vatsalya rasa serviranno Nanda e Yasoda, il devoto sakhya rasa servirà Sridama e Sudama, ma in ultima analisi, l'intero sistema in un unico concetto è incluso in Radharani.


Radha-dasyam, il servizio a Srimati Radharani, è il senso ultimo e l'essenza dal Gayatri Mantra. Questo è il fine supremo della nostra vita. Non può che essere così. Il Bhagavatam è il teismo finale estratto dai Veda, Upanisad, e tutte le scritture. Tutta la verità rivelata sale al suo acme, nella posizione più alta, nella concezione data dal Bhagavatam. E il Bhagavatam ci insegna che la più alta realizzazione, l'autodeterminazione, è il servizio di Srimati Radharani- che sotto la sua guida possiamo servire Sri Krishna. Aspiriamo per un collegamento diretto con il suo servizio.


Qual è, allora, il significato interiore o la spiegazione della parola bhargo? Con Bhargo si intende la somma, o "colei che ci mostra la luce." Radharani è la figlia di Vrsabhanu. Ho scelto la parola bhanu. Per rappresentare il Sé personale di Radharani, ho selezionato la parola vaibhava. Vaibhava significa, "ciò che viene fuori", o "sé esteso." Prabhava è la rappresentazione centrale e vaibhava è l'estensione esterna. L'essenza stessa della svarupa-sakti è Srimati Radharani, e all'intero della svarupa-sakti vi è il suo sé esteso. La città del suo bel servizio è l'intera svarupa-sakti.


Proprio come i raggi di luce si estendono dal sole, tutta la potenza interna è un'estensione di Mahabhava, Sri Radhika. Lei stessa si è estesa in una tale meravigliosa area di brillantezza, di energia interna, e qui Lei serve il suo Signore. Tutte queste cose necessarie nascono da Lei. Per aiutarla nel servire il suo Signore, tutti si manifestano. Quando tutta l'energia interna è condensata in una forma concisa, è Mahabhava, Radharani. E quando Radharani vuole servire, si estende senza limiti in diversi modi. E con qualche contributo da Baladeva e Yogamaya, tutto il mondo spirituale, tra cui Vrndavana, Mathura e Vaikuntha, si evolve per aiutare Srimati Radharani nel servizio a Sri Krishna.


In questo modo, ho estrapolato il Radha-dasyam, il servizio a Srimati Radharani, come significato nascosto del Gayatri Mantra e ho cercato di rappresentarlo nel versetto sanscrito descritto sopra.

____________________________

Srila Bhakti Raksaka Sridhar Goswami Maharaj

__._,_.___

Inviato da: Angelo Russo <gaudyait@gmail.com>